Archivio mensile:maggio 2013

Il premio di ignoranza

formigoniQuando parlavi di Italia all’estero, tutti avevano ammirazione per quel piccolo grande paese a forma di stivale che ha saputo essere la culla della civiltà. Un paese dove l’arte, l’ingegno e la storia hanno consegnato al mondo un bagaglio culturale inestimabile. Un paese che un tempo è stato il centro del mondo conosciuto e che è stato maestro di pensiero e di azione per l’umanità. Oggi, grazie all’ignoranza dei potenti, alla loro insulsa tracotanza, alla loro incompetenza che va a braccetto con la strafottenza, siamo diventati quasi gli zimbelli del mondo. All’estero si chiedono come abbia fatto un popolo che ha annoverato nella sua storia personaggi come Leonardo Da Vinci, ad affidare il proprio destino e la propria amministrazione della res publica a criminali della democrazia come quelli che hanno governato e governano tutt’oggi questo straordinario paese. Non ci sono scuse, nessuno è escluso da responsabilità, chiunque di noi ha fatto o non ha fatto qualcosa, ma la cosa più imperdonabile è che li si lasci continuare a fare scempio della nostra vita. C’è gente che continua a difendere, giustificare, e appoggiare politici delinquenti, perfino quelli condannati dalla magistratura. C’è chi parla di lassismo e disinteresse da parte dei cittadini che ha causato tutto questo, ma la questione è ben più grave. In un nessun paese civile sarebbe accaduto quello che negli ultimi vent’anni è successo in Italia, dove si è legittimato un presidente del consiglio con una serie incredibile di conflitti di interesse, una condotta morale ben nota già prima della sua discesa in politica, e una condotta politica che più procedeva più recava danni al paese e vantaggi a sé stesso. Tutto questo ancora oggi sembra non avere peso per una parte non piccola degli italiani. E’ incredibile vedere come avversari politici e semplici cittadini non abbiano mai alzato la voce davanti a questi veri e proprio crimini contro la costituzione. La degenerazione è arrivata al culmine quando ministri e altri figuri sono scesi in piazza più di una volta contro la magistratura per gridare all’accanimento giudiziario contro un leader politico che si è macchiato di vari reati tra cui evasione fiscale e sfruttamento della prostituzione minorile. Credo che nessuno sceneggiatore di Hollywood sarebbe mai arrivato a pensare a tanto, eppure in Italia è successo e continua a succedere, senza che nessuno si indigni veramente, senza che nessuno prenda in mano la situazione a livello legislativo e ponga fine a questa farsa. Significativo di tanta ignoranza e arroganza da parte di una politica ormai alla deriva è un tweet del “celeste” ex presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, oggi niente popò di meno che presidente della Commissione Agricoltura in Senato. Il messaggio inviato con incurante baldanza recita: “Mai così freddo da due secoli” dicono le statistiche. E dove sono gli ambientalisti che ci hanno rotto i marroni col riscaldamento globale?‘. La politica in Italia non conosce la scienza e neanche la coscienza, ma segue logiche che fanno rabbrividire, e non certo per l’anomalo freddo di maggio.

Contrassegnato da tag , , , , , ,