Archivi tag: costa crociere

O Capitano! Mio Capitano!

Dopo due mesi di lacrime e sangue e incontri internazionali scevri di barzellette, per riacquistare una minima credibilità nei confronti del resto del mondo, è bastato un altro ottuso comandante ad abbandonare la nave pensando a mettere in salvo solo se stesso dopo una bravata, prima che essa affondasse, per farci ripiombare nel ridicolo. Sembra una storia da film, invece purtroppo si tratta di una parabola che contraddistingue l’italiano medio. L’azione del comandante Schettino è un “leit motiv” che coinvolge non solo comandanti di crociere ma anche dirigenti, amministratori delegati, recenti ex presidenti del consiglio.

Quello che lascia profondamente amareggiati, oltre alla morte di tante persone, è sicuramente il fatto che sempre più spesso ci si rende conto che, nella maggior parte dei casi, ruoli di potere vengono ricoperti da persone mediocri, prova concreta che in Italia, quello stesso paese che ha visto svilupparsi una civiltà straordinaria come quella dell’ antica Roma, la meritocrazia oggi non esiste, vittima di una cultura di favori e raccomandazioni, improntata sulla “furbizia”, la strafottenza e lo sprezzo del pericolo, in una sola parola: ignoranza. Non vorrei entrare nel merito della questione del comandante Schettino e di come sia arrivato a ricoprire quella importante posizione, ma fatto sta che il suo comportamento è la conseguenza di una stupida e pericolosa sfida per mettere in mostra se stesso, chissà con quale grande soddisfazione.

Quella di Schettino è solo l’ultima di una lunga serie di azioni stupide ad  opera di mediocri italiani, che accecati da manie di onnipotenza e dal bagliore del loro alto ruolo, nella loro ignoranza di piccoli uomini hanno pensato e pensano di poter fare qualsiasi cosa. Di Schettino in Italia purtroppo non ce n’è uno solo, e la pericolosità di queste persone è estrema, non solo per l’incolumità fisica di tutti, ma anche per quella economica, e  tutti gli altri settori dove i mediocri rivestono ruoli decisionali importanti.

Accanto a questo triste spaccato della vita del nostro paese, rimane un’ombra sulla sicurezza dei sistemi di rilevamento di enormi navi come la Costa Concordia. Sono passati esattamente 100 anni dalla tragedia del Titanic, e nonostante gli enormi progressi della tecnologia, non esiste ancora un sistema di rilevamento efficace che segnali la vicinanza di scogli di granito? o è stato deliberatamente ignorato? (non so quale delle due ipotesi sia quella più confortante).

Contrassegnato da tag , , , ,